Livia Turco
Pari opportunità e differenza di genere
Intervista a Livia Turco
a cura di
Alessandra Luciano

collana: Incontricooperativi
anno di pubblicazione 2014

cartaceo 52 pp

9788867890347 5,00 €
questo prodotto al momento non è acquistabile

«Per me la parola cooperazione si coniuga strettamente con la parola innovazione. Nella mia esperienza le cooperative sociali hanno inventato dei servizi dal potenziale innovativo, da quelli per l’infanzia e per il sostegno alle famiglie, a quelli per l’integrazione degli immigrati [...].
La tipologia di impresa che più ha preso sul serio l’esigenza di politiche di conciliazione è il mondo della cooperazione. Questo perché esistono molte cooperative con forte presenza femminile, ma anche perché le cooperative hanno capito che le politiche di conciliazione si sposano con l’idea della valorizzazione del capitale umano, si sposano con l’idea di attuare modalità innovative di gestione, di governance e di produzione. Ecco perché posso dire che per me cooperazione è uguale ad innovazione».

Tratto dall’intervista a Livia Turco.

Per una cultura cooperativa
Ivan Pescarin

1974-2014: una realtà della cooperazione
Claudio Cucchiarati

Verso un’età del genere
Luigi Berzano

Pari opportunità e dierenza di genere. Dalle leggi alle politiche per applicare le leggi. Introduzione
Alessandra Luciano

Ne parliamo con Livia Turco

Per saperne di più

Livia Turco, nata a Cuneo, ha una storia di militanza nel PCI, PDS, DS, oggi nel PD, con impegno nel sociale, nei movimenti delle donne, per promuovere i diritti dei migranti. Parlamentare, ministro della Solidarietà Sociale e ministro della Salute nei sette anni dei governi dell’Ulivo, ha promosso leggi importanti come la 328/00, “Legge quadro per un sistema integrato di interventi e servizi sociali”, leggi per l’infanzia e la famiglia, la Legge 53/00 che prevede il congedo di paternità anche per il padre, leggi a sostegno delle persone disabili, la Legge quadro 40/98 sull’immigrazione e per il riconoscimento della cittadinanza italiana ai gli dei migranti nati in Italia. Impegnata nel volontariato sociale, è presidente della Fondazione Nilde Iotti.


Alessandra Luciano, semiologa, dottore di ricerca in Scienze del linguaggio e della comunicazione, è ricercatrice membro esterno presso il Centro Interdipartimentale di Ricerca sulla Comunicazione e l’Osservatorio sul Pluralismo Religioso dell’Università di Torino.