Maurizio Vanni
Il museo diventa impresa
Il marketing museale per il break even di un luogo da vivere quotidianamente
In libreria dal 26 aprile
anno di pubblicazione 2018

cartaceo 232 pp

9788867891023 18,00 €
questo prodotto al momento non è acquistabile

Il museo non può più essere considerato solo un contenitore per beni culturali di alto interesse storico-artistico, ma un’istituzione didattica che deve rispondere alle nuove esigenze di pubblici sempre più ampi e diversificati. La struttura museale si apre a nuove strategie di coinvolgimento, a inedite modalità di interazione e a offerte culturali sempre più orientate alla fidelizzazione. Il divertimento, la socializzazione, l’interazione con i diversi mondi della conoscenza, la divulgazione delle collezioni con un approccio interdisciplinare e l’auto-finanziamento diventano elementi imprescindibili.
Il museo diventa impresa entrando nel mercato delle aziende private e del tempo libero delle persone.

Introduzione di Riccardo Rossotto

Prefazione di Domenico Piraina

1 Il museo del qui e ora

1.1 Il museo assolve un servizio pubblico
1.2 Il museo dialoga con tutti
1.3 Equità sociale e valore economico del museo
1.4 Le funzioni istituzionali e le nuove funzioni del museo
1.5 La gestione economica. Il posizionamento del museo nei mercati di riferimento

2 Il mercato del pubblico generico
2.1 Lo studio del comportamento delle persone
2.2 I principali segmenti di pubblico
2.3 I servizi del museo e le nuove forme di relazione
2.4 Fidelizzare il pubblico con esperienze di qualità. Il marketing emozionale e la fabbrica del benessere
2.4.1 Le attività didattiche ed educative
2.4.2 Il racconto scenico
2.4.3 La visita guidata con performance teatrale
2.4.4 Il food storytelling
2.4.5 Il living talkshow
2.4.6 Workshop e live performance
2.4.7 Conferenze, seminari, convegni e lectio magistralis
2.5 Customer satisfaction. Misurare per migliorare
2.6 Intervistare il cervello attraverso il corpo. L’incontro con lo stato emotivo
Alessandro Pingitore
2.7 Misurare l’istinto e la ragione
2.8 Andare oltre il valore culturale e sociale di un museo
2.9 Come quantificare il valore economico di un museo per il territorio
Daniele Mocchi

3 Il mercato delle imprese private
3.1 Le nuove strade del marketing: il ruolo della cultura
3.2 Il museo diventa risorsa per le imprese private
3.3 La capacità del museo di attrarre le imprese
3.4 Marketing non convenzionale. Emozionarsi per ricordare e ricordare per rivivere emozioni
3.5 Il marketing olfattivo
3.6 La narrazione olfattiva Simone Rossi
3.6.1 L’amigdala, il sistema limbico, i lobi frontali e le emozioni olfattive
3.6.2 Percezione ed elaborazione degli stimoli olfattivi
3.6.3 Memoria degli odori e interazioni cross-modali olfatto-motorie
3.6.4 La relazione tra odore e ambiente: prospettive
3.7 La crisi antropologica del visitatore apre nuovi scenari. Il branding sensoriale
3.8 Museo e impresa privata. La cultura per costruire una brand experience vincente
3.8.1 Il caso Fabio Perini: “PJL One Night”
3.9 La costruzione della piattaforma esperienziale. Dal desiderio di possesso alla condivisione della conoscenza
3.9.1 Il caso Vespa: “Re-write Your Future”
3.9.2 Il caso Scorpion Bay: “Take Your Freedom”
3.9.3 Il caso Mukki latte: “The White World”
3.10 Il marketing relazionale. Dal mecenatismo culturale legato all’art bonus alle strategie su obiettivi misurabili
3.10.1 Il caso Recard: “The State of the Art”
3.11 Open innovation e startup: un nuovo approccio alla gestione strategica del museo e dell’impresa Federico Davini
3.12 Il marketing al tempo del web

4 Web marketing. Un mondo digitale per esaltare l’universo analogico
Simone Mariani
4.1 Perché il marketing digitale per il museo?
4.2 Search engine marketing, advertising e social media
SEO e posizionamento nei motori di ricerca
Che cosa sono i KPI?
4.3 Newsletter, blog e p.r.
4.4 Nuovi trend e applicazioni da seguire

5 Fundraising, mecenatismo e partnership: tutte le leve della sostenibilità economica
Alberto Cuttica
5.1 Verso una sostenibilità “matura” del museo. Integrare, diversificare, inventare
5.2 Il fundraising: mercati e strumenti
5.3 Strategia e operatività di un piano ragionato di raccolta fondi

6 Il caso del Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art

Postfazione di Stefania Giannini

Bibliografia

 

Maurizio Vanni. Storico dell’arte, museologo, specialista in marketing museale, marketing non convenzionale e advanced marketing. Già docente di Museologia e Marketing museale presso UMSA - Universidad del Museo Social Argentino a Buenos Aires, attualmente è direttore generale del Lu.C.C.A. - Lucca Center of Contemporary Art, docente di Marketing non convenzionale alla Facoltà di Economia di Roma Tor Vergata nel Master “Economia e Gestione della Comunicazione e dei Media”, docente di Marketing delle Arti e della Cultura presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Luigi Boccherini” di Lucca nel Master MaDAMM. Ha curato più di 600 eventi in oltre sessanta musei di trenta paesi del mondo e ha tenuto conferenze, seminari e corsi di specializzazione in oltre quaranta università in città come: Seoul, Pechino, Shanghai, Tokyo, Bangkok, New Delhi, Hong Kong, Taipei, Chicago, Toronto, Rio de Janeiro, San Paolo, Città del Messico, Buenos Aires, Bogotà, Asunción, Mosca, San Pietroburgo, Madrid, Barcellona, Istanbul, Parigi, Francoforte.