"Gentili lettori, saremo chiusi per ferie da lunedì 10 a lunedì 31 agosto.
Gli ordini effettuati in questo periodo verranno evasi a partire da martedì 1 settembre.
Vi auguriamo buone vacanze!!"

×
Un partito di popolo
Il Partito Popolare in Piemonte e la sua classe dirigente
a cura di
Bartolo Gariglio

collana: Studi e ricerche della Fondazione Carlo Donat-Cattin
anno di pubblicazione 2020

cartaceo 424 pp

9788867891764 24,00 €
aggiungi al carrello (cod: 9788867891764)

pdf 1.7 MB

9788867891771 4,99 €
aggiungi al carrello (cod: 9788867891771)

Il volume che qui presentiamo, frutto di una ricerca che ha scelto di ribaltare la prospettiva ancor oggi più diffusa negli studi sul Partito Popolare Italiano, mette al suo centro non i vertici del partito sturziano nato nel 1919, ma la sua base. Questo in una regione, il Piemonte, con una realtà sociale molto articolata e complessa.
I ricercatori, che in gran parte avevano già lavorato per studi relativi al mondo cattolico piemontese durante la Grande guerra, si sono impegnati non tanto a enumerare i meriti o i limiti di una classe dirigente evoluta, quanto a indagare, attraverso le fonti disponibili, la composizione dei quadri dirigenti, anche piccoli o intermedi, di una forza politica cresciuta in poco tempo e poi declinata per l’emergere di diverse circostanze storiche e sociali, non ultimo il mutato atteggiamento della Chiesa. Si sono ritrovati così professori universitari e contadini, nobili e artigiani, operai e professionisti, commercianti, giornalisti e un gran numero di sacerdoti i cui nomi sono stati infine raccolti in un database composto da più di duemila elementi che potrà essere via via ampliato in un sito on line messo a disposizione dalla Fondazione Carlo Donat-Cattin.
Oltre ai saggi sulle singole realtà territoriali che mettono in luce analogie e differenze a volte anche molto marcate fra le varie aree territoriali facendo emergere elementi di grande interesse, spesso non scontati, sono stati delineati una settantina profili biografici di personaggi significativi, che hanno segnato la breve vita del partito nella regione. L’auspicio è che il lavoro, innovativo e poderoso, che qui pubblichiamo diventi un modello per analoghe ricerche in altre aree del paese.

Prefazione
Bartolo Gariglio

1. Il Partito Popolare a Torino. Una classe dirigente divisa tra impegno sociale e desiderio d’ordine
Cesare Panizza

2. La breve stagione dei popolari in Canavese. Dal vigore sociale degli inizi all’acquiescenza al fascismo
Alessandro Risso

3. Un partito nuovo per una domanda di rappresentanza. Lo sviluppo del Partito Popolare nelle diocesi di Acqui, Alessandria, Casale, Tortona
Vittorio Rapetti

4. Asti: i Popolari tra piccola borghesia e mondo rurale nella città dell’industria nascente
Nicoletta Fasano

5. Il Partito Popolare in provincia di Cuneo. Diversi atteggiamenti fra l’eredità della DC murriana e gli indirizzi clerico-moderati
G. Aimetti, E. Billò, G. Cornaglia, G. Maggi, G. Testa

6. Il Partito Popolare nella diocesi di Novara. Le debolezze di un partito diviso
Alberto Gemelli