"Gentili lettori, saremo chiusi per ferie da giovedì 24 dicembre a venerdì 8 gennaio. Gli ordini effettuati in questo periodo verranno evasi a partire da lunedì 11 gennaio.
Vi auguriamo buone feste e un sereno anno nuovo!!"

×
N (enne) il magazine del Polo del ‘900
N (enne) il magazine del Polo del '900 3
Vuoti di memoria. Che cosa preferiamo dimenticare
n. 3/2021
anno di pubblicazione 2021

cartaceo 80 pp

9788867892136 4,00 €
questo prodotto al momento non è acquistabile

“La memoria umana – ha scritto Primo Levi – è uno strumento meraviglioso ma fallace”. Ciò non
vale soltanto sul piano personale perché anche a livello collettivo e sociale il ricordo del passato
subisce, spesso deliberatamente, slittamenti e distorsioni. Vuoti di memoria. Che cosa preferiamo
dimenticare è il titolo del nuovo numero di N. Il magazine del Polo del ‘900. I testi, gli articoli, le
immagini e le riflessioni del numero monografico evocano l’intreccio di cancellazioni e rimozioni di
quel che tendiamo a relegare nell’oblio.
Il tema è immenso, anche perché nell’ultimo quarto di secolo gli studi sulla memoria si sono
moltiplicati, monopolizzando interi settori della ricerca storica e del dibattito pubblico. La rivista ha
scelto di occuparsi della contemporaneità: può esistere una memoria europea che, rielaborando i
conflitti e le tragedie del nazionalismo novecentesco, delinei un orizzonte valoriale condiviso?
Come si trasformano memoria e oblio nel contesto digitale, dove i ricordi condivisi online sembrano
caratterizzati da una durata senza fine? E quali sono invece le ricadute politiche delle questioni
memoriali che, tra Black lives matter e cancel culture, sembrano essere oggi al centro di tante
battaglie per il riconoscimento?
Un numero che solleva molte domande e propone alcune risposte con i contributi, tra gli altri, di
Anna Mastromarino (Università di Torino) sui vettori che potrebbero condurre alla costruzione di un
demos europeo e di Anna Maria Lorusso (Università di Bologna) sul che fare dei “monumenti
tossici”, al centro, negli ultimi mesi, di accese rivendicazioni memoriali. E con l’intervista allo storico
Enzo Traverso (Cornell University, USA) sul ruolo dei conflitti di memoria nella dialettica
democratica. Un inserto speciale, dedicato in particolare agli studenti e ai loro insegnanti, è
dedicato a Primo Levi, a cura dell’omonimo Centro studi.

Le firme di questo numero

tempi

Luoghi comuni di Diego Guzzi

La guerra dei simboli di Donatella Sasso, Andreas Pieralli

Il minuto di silenzio di Enrico Miletto

Dialogic frames di Anna Mastromarino

Qualche memoria per la DDR? di Maria Baldovin

modi

La memoria digitale di Davide Sisto

Bambi nel bosco del world wide web di Pietro Jarre

Filmare la storia di Corrado Borsa

State funeral di Sergei Loznitsa di Daniela Steila

Libri e censura: una liaison dangereuse di Marzia Camarda

Primo Levi a cura del Centro Studi Primo Levi

luoghi

I conflitti della memoria Luca Rolandi intervista Enzo Traverso

Memoria in negativo di Anna Maria Loruss

Nessun museo è neutrale di Paola Boccalatte

Stolpersteine di Andrea Ripetta

Dove portano i Venti di Alessandro Bollo